Anno

2020

Tipologia
    • giornale online
Cliente
  • Laras – Suoni e parole di Sardegna

Sa Republica Sarda

Era il 1976, gli ultimi mesi dell’anno, quando il numero zero del giornale venne dato alle stampe. Fu il naturale risultato di oltre due anni di incontri, confronti e dibattiti promossi da Gianfranco Pinna a Cagliari e a Sassari, a Nuoro e in Gallura con giornalisti, intellettuali e militanti coinvolti nel progetto e animati dal persistere in Sardegna di una forte tensione politica e sociale. Il primo direttore responsabile del giornale fondato da Alfa Editrice fu Gianfranco Pintore e la sede San Sperate.

Il periodico mensile prese il nome di Sardigna. Tuttavia, dopo tre mesi, la collaborazione tra Pintore e Alfa Editrice volse al termine e Gianfranco Pinna nel 1977 fondò, sempre come Alfa Editrice, una nuova testata, Sa Republica Sarda, un nome che non lascia spazio ad equivoci o fraintendimenti.
Sa Republica Sarda divenne un mensile bilingue a diffusione regionale con la propria redazione nella città di Quartu Sant’Elena. L’obiettivo era quello di far accrescere “la coscienza etnica ed etica e di appartenenza alla comunità sarda” e divenne una preziosa fonte di dibattiti per la valorizzazione della lingua e della cultura sarda: uno strumento culturale insostituibile per chi portava avanti i concetti di sardità, nazione e identità, un laboratorio aperto al confronto e al reciproco arricchimento con le culture di altre minoranze etniche e linguistiche in Europa e nel mondo.

Dai uno sguardo ad altri progetti realizzati

Bisogno di un sito web?

Il modo migliore per creare e sviluppare la tua presenza online.